\\Cerca
Martedì, 27 Giugno 2017 • Ore 14:17Utenti registrati: 7.995

See&Shoot

  Condividi See%26Shoot+-+Prodotto su Twitter

Categoria: Servizi > Altro
Data inserimento: 03/06/2014

Il metodo brevettato (EP. 1914350) See&Shoot® “HD penetrometric support” di GEOSEC® consiste nell’iniezione mirata di resina poliuretanica espandente nel terreno di fondazione di edifici e manufatti interessati da cedimenti patologici.

L’iniezione avviene a bassa pressione, secondo quantitativi che vengono definiti in funzione degli effetti man mano osservati in corso d’opera nel terreno di fondazione, fin quando le risultanze delle misure di controllo eseguite in parallelo all’intervento di rimedio non dimostrino che il terreno di fondazione ceduto abbia raggiunto una consistenza simile a quella del terreno limitrofo, non afflitto da cedimenti, il cui stato viene preso come riferimento. Gli strumenti diagnostici impiegati in corso d’opera consistono in rilievi geofisici mediante tomografia elettrica 3D, con specifico software di restituzione, e in prove penetrometriche dinamiche eseguite manualmente. Quando i rilievi geologici e tecnici acquisiti in corso d’opera nella zona di intervento (zona ceduta) raggiungono i valori misurati nelle zone non cedute, l’intervento può considerarsi concluso.

DESCRIZIONE TECNICA DEL PROCEDIMENTO:

Esempio schematico d’intervento:
Livelli di iniezione, quantità di resina, posizionamento delle iniezioni saranno stabiliti in funzione delle indagini geologiche:

  • Brevetto Europeo n. EP1914350
  • Parere Tecnico Positivo (UNI EN ISO IEC 17020)
  • Certificazione di Conformità alle prescrizioni della norma UNI EN 12715


FASI D’INTERVENTO PRIMA DELLE INIEZIONI
1) Si esegue un’indagine di Tomografia di resistività Elettrica ERT 3D del terreno sotto fondazione (in gergo una di "bianco", per rilevare: perdite e flussi d’acqua, dilavamenti significativi del terreno, cavità, vuoti etc., e "remota" per rilevare condizioni del terreno in zona non ceduta).
2) Sulla base delle risultanze della Tomografia ERT (di "bianco" e "remota") si esegue almeno una prova penetrometrica DPM 30 di "bianco" in zona ceduta ed una prova DPM 30 "remota" in zona non ceduta.
3) Sulla base delle risultanze diagnostiche sovrapposte si definisce il modello geologico del terreno di fondazione.
4) Si realizzano in modo mirato una serie di piccoli fori del diametro max di ca. 20-25 mm per la successiva iniezione di resina espandente, per consolidare il terreno ceduto (all'interno del volume significativo) con la finalità di migliorare od uniformare alle condizioni del volume di terreno limitrofo non ceduto e preso a riferimento (prove remote). Le iniezioni vengono eseguite sia superficialmente che in profondità anche su più livelli nelle porzioni di terreno interessate dal cedimento e che risulteranno deficitarie alle indagini preliminari sopra descritte. Tutta l'attività di cantiere sarà gestita sul posto dal nostro Geologo specializzato in stretta collaborazione con gli ingegneri Geosec ed il Progettista.

FASI D’INTERVENTO DURANTE ED ALLA FINE DELLE INIEZIONI
5) L'impianto di monitoraggio geoelettrico ERT 4D (x,y,z,t) sarà costantemente attivo durante il trattamento, si eseguono infatti set di iniezioni mirate di resina espandente (Eco)Maxima® secondo quantitativi che si definiranno in funzione degli effetti man mano osservati in corso d’opera nel terreno di fondazione ceduto: riduzione dei macro vuoti, allontanamento e/o riduzione di acqua interstiziale etc. (effetti che concorrono efficacemente ad una maggior compattazione e stabilità del terreno consolidato), fin quando le risultanze diagnostiche in corso d’opera dimostreranno che le condizioni del volume di terreno di fondazione ceduto saranno divenute simili, uniformi o migliori di quelle del volume di terreno limitrofo e non ceduto preso a riferimento. Una prova penetrometrica DPM 30 finale in zona consolidata restituirà la variazione di resistenza meccanica ottenuta grazie alle iniezioni.

L'EFFICENZA DEL NOSTRO CONSOLIDAMENTO DEL TERRENO:
In quasi due anni, l'Università degli studi di Milano Facoltà di Scienze della Terra dipartimento A. Desio ha concluso uno studio di verifica dell'efficienza del nostro procedimento di consolidamento dei terreni. Il lavoro è stato condotto dall'equipe del Prof. Gianpaolo Giani e della Prof.ssa Tiziana Apuani su test site Geosec in vera grandezza. I risultati dello studio sono stati presentati al XXIV congresso Nazionale dell'Associazione Geotecnica Italiana e raccolti in una memoria tecnica scaricabile da sito geosec all'indirizzo: http://www.geosec.it/memorie.html
Al link seguente è possibile vedere l'esposizione tecnica della Prof.ssa Tiziana Apuani al XXIV Congresso Nazionale AGI (Napoli 22-24 giugno 2011): http://www.geosec.it/blog/

LA REGOLA DELL'ARTE VOLONTARIA E CERTIFICATA ICMQ, NEL RAPPORTO CON I CLIENTI:
Nel 2010 ICMQ ha operato nell’esame delle procedure seguite dalla ditta GEOSEC® Srl di Lemignano di Collecchio (PR) nella applicazione di un particolare metodo di consolidamento e stabilizzazione del terreno mediante iniezione di speciali resine espandenti. ICMQ ha controllato la chiarezza, completezza ed adeguatezza delle procedure descritte da GEOSEC® nei propri manuali sia per quanto attiene la definizione del processo base del suo procedimento di consolidamento terreni (diagnostica, progetto dell’intervento, esecuzione dell’intervento, monitoraggio in corso d’esecuzione, controllo dell’efficacia dell’intervento, rendicontazione e validazione), che della definizione delle procedure correlate (cantierizzazione e consegna lavori da parte del Committente, sicurezza sul lavoro, tutela del know how, chiusura lavori, prevenzione e gestione degli eventuali effetti collaterali, gestione dei reclami). Esaminati anche i certificati relativi ai prodotti d’iniezione (caratteristiche fisiche-meccaniche e compatibilità ambientale) ed ai sistemi diagnostici e di monitoraggio impiegati, inclusi i software di restituzione e di elaborazione dei dati, ICMQ ha formulato un parere tecnico positivo sulle procedure di applicazione del Metodo di GEOSEC®, riservandosi di verificare successivamente in campo la conformità della realizzazione degli interventi alle procedure stesse. Tali procedure, nell’ambito dei metodi osservazionali previsti dalle NTC 2008 per la risoluzione in opera di particolari tematiche legate al comportamento del complesso manufatto-terreno, possono costituire, per GEOSEC® e suoi eventuali partners licenziatari nel rapporto con i clienti, un utile e preciso riferimento (certificato da ICMQ) per la definizione della regola dell’arte nel consolidamento dei terreni con tale tecnica.


Per maggiori informazioni clicca qui 

\\Dati Azienda
  • Azienda Geosec
  • Telefono: 0521339323
  • Fax: 0521804772
  • Scheda Azienda
  • Indirizzo Via Di Vittorio N°41/b
  • CAP 43044
  • Comune Collecchio
  • Provincia Parma
  • Regione Emilia-Romagna
\\Contatta l'azienda
*Nome
Telefono
*E-mail
Messaggio
I campi obbligatori sono contrassegnati con *